SOPRAVVIVERE ALLE NOTTI ESTIVE

Tempo di lettura : 3 minuti

È ufficiale, il caldo è ufficialmente arrivato.

Bel tempo significa vacanze, aperitivi, grigliate, relax e... gran caldo!

Noi non ci lamentiamo di certo, lo aspettavamo da troppo tempo, ma vi diamo comunque qualche consiglio per passare delle notti migliori. Perché lo sappiamo bene, prendere sonno quando fuori ci sono 30° o più può essere davvero difficile. E quando finalmente riusciamo ad addormentarci, ecco che qualcosa vuole impedirci di dormire...

Ecco la top 5 delle cose più fastidiose che disturbano le notti estive... e le nostre soluzioni per sopravvivere!

ECCO LA TOP 5 DELLE SECCATURE ESTIVE E I NOSTRI TRUCCHETTI PER SOPRAVVIVERE!

N°1: NON POSSIAMO DORMIRE SENZA COPERTA

togliere la coperta

Tutti noi abbiamo affrontato questo dilemma almeno una volta nella vita: separarci o meno dalla nostra coperta. Ci fa troppo caldo, vogliamo toglierla ma abbiamo bisogno di sentirci avvolti, protetti, e senza coperta ci sentiamo vulnerabili. Ci siamo passati tutti.

La soluzione:

Dormire senza avere troppo caldo coprendoci con un lenzuolo leggero. Meglio privilegiare i materiali soffici, leggeri e traspiranti come il cotone, il lino o la fibra di bambù.

 

N°2 : LE ZANZARE CI PERSEGUITANO

uccidere le zanzare

Eh sì, l’estate è un po’ il LORO momento. La aspettano per mesi e quando finalmente arriva, si danno alla pazza gioia. L’incubo delle nostre notti, minuscole ma enormemente fastidiose: le zanzare.

Ci ronzano nell’orecchio, ci girano intorno, se ne vanno (facendoci credere che siano davvero sparite) poi tornano, proprio quando pensiamo che se ne siano finalmente andate. Non si fanno problemi ad attaccarci tutta la notte e non danno alcuna tregua. Armati della nostra ciabatta migliore, proviamo a colpirne una. Paf! Ah... mancata. Paf! Mancata ancora.

Quando finisce per pungerci siamo quasi sollevati. Almeno il ronzio è finito. Poi però arriva il prurito.

La soluzione:

è un classico, ma non abbiamo trovato di meglio per combattere le zanzare: la zanzariera da letto. Sospendetela sopra al letto e assicuratevi che faccia tutto il giro, anche a costo di infilarla sotto il materasso per essere certi che nulla possa entrare. Per essere ancora più sicuri, spruzzatela con un po’ di repellente naturale e/o aromatizzate la stanza con qualche goccia di olio essenziale di eucalipto al limone.

 

N°3: I VICINI FANNO FESTA

festa una notte da leoni

Per far circolare al massimo l’aria, decidiamo di lasciare le finestre aperte. Ma i vicini, loro, non dormono: hanno deciso di far festa, e senza discrezione.

La soluzione:

Si potrebbe sempre andare a chiedere di abbassare il volume, ma sentirebbero il campanello? Nulla di più incerto. Meglio optare per un buon paio di tappi per le orecchie. O chiudere la finestra non appena la camera si sarà rinfrescata a sufficienza. Se nulla di tutto ciò funziona, mettetevi qualcosa addosso e raggiungete i vicini. Dopotutto siamo in vacanza, tanto vale approfittarne per far festa, no?

N°4: ABBIAMO MOLTA MOLTA SETE

avere sete di notte

Sono le 3:00 del mattino, abbiamo gli occhi spalancati e non riusciamo a riaddormentarci perché stiamo pensando a una sola cosa: bere. Litri e litri d’acqua. Ma non abbiamo voglia di uscire dal letto per andare a prendere un bel bicchiere d’acqua in cucina.

La soluzione:

Ricordatevi di bere almeno 1,5 litri d’acqua al giorno, e bevete ancora uno o due bicchieri (d’acqua!) prima di andare a letto. Dovrebbe aiutarvi a non rischiare la disidratazione nel bel mezzo della notte. E per precauzione, tenete sempre una bottiglia d’acqua vicino al letto. Qualche sorso e ritroverete il sonno in un battibaleno.

 

N°5: IL VENTILATORE È TROPPO FORTE

posare come una modella

Aprire la finestra non è sufficiente per rinfrescare la stanza, perciò usiamo i rinforzi e tiriamo fuori il ventilatore dall’armadio. Qualche gocciolina che scende dalle tempie, i capelli che svolazzano... La notte si annuncia perfetta.

Ma il giorno dopo ci svegliamo con un gran mal di gola e un’emicrania. Non proprio il massimo.

La soluzione:

Anche se sembra molto allettante, meglio non dormire con il ventilatore puntato sul viso. Posizionatelo piuttosto in un angolo della stanza e orientatelo verso l’alto. Diffonderà l’aria fresca nella stanza e vi permetterà di non prendere un colpo d’aria.

 

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento per raccontarci la tua storia!

Pubblicato il 20/11/2019

Scopri anche

Perché dormiamo cosi' bene nei letti d'hotel?
La pennichella in ufficio aumenta la produttività
Materasso sottovuoto e arrotolato: pro e contro
Condividi l’articolo